GODZILLA VS. KONG: lo spettacolare scontro tra due icone pop

Dopo una lunga fase produttiva durata ben tre anni e un tribolatissimo iter distributivo minato dalla chiusura dei cinema a causa dell’emergenza sanitaria, l’atteso Godzilla vs Kong vede finalmente la luce ma in Italia, purtroppo, solamente in distribuzione digitale. Continua »

THE FATHER: il dramma della senilità per una prova attoriale magnifica

The Father è sia una simulazione accurata di cosa significhi amare qualcuno che invecchia e si ammala, sia una dimostrazione sorprendentemente credibile di cosa significhi vivere come qualcuno che soffre di Alzheimer. Continua »

Vinterberg, Mikkelsen e il loro inno alla vita che è valso un Oscar: UN ALTRO GIRO

Thomas Vinterberg vince un Oscar per il film internazionale e il suo Un altro giro si pone come un magnifico, vitale e struggente inno alla vita, con un magnifico Madds Mikkelsen. Continua »

Zombi senzienti a Las Vegas: lo scoppiettante action/horror di Zack Snyder ARMY OF THE DEAD

Così come Snyder aveva riacceso l’interesse delle majors per i morti viventi omaggiando (e modificando) il modello romeriano, per il suo ritorno dietro la macchina da presa ha deciso di riesplorare lidi zombeschi tornando di nuovo a confrontarsi con la lezione impartita dal Maestro, ormai scomparso, e prendendo come modello proprio La terra dei morti viventi. Vede così la luce Army of the Dead, sontuoso b-movie prodotto da Netflix che pone un nuovo punto fermo all’interno della corposa filmografia dedicata agli zombi. Continua »

Orrore made in Italy: CRUEL PETER

L’influenza più facilmente ravvisabile in Cruel Peter è quella del cinema di James Wan e del Conjuringverse, in cui la tradizione culturale di un Paese diventa il contesto di una storia di orrore famigliare con una seconda famiglia impegnata ad affrontarla. Continua »

Nei panni di un serial killer, e viceversa: la slasher-comedy FREAKY

Si prende una grande commedia che aveva un concept originale ed elementi fantasy e si rielabora in chiave slasher-movie. È accaduto nel 2017 con Auguri per la tua morte, che si rifaceva a Ricomincio da capo (1993), e ora accade con Freaky che utilizza lo stesso concept di Tutto accadde un venerdì (1976). Continua »

CRUDELIA: Emma Stone è una straordinaria (semi)villain nel live action Disney

Una delle cattive più iconiche dell’universo Disney, famosissimo simbolo di vanità e avidità, torna in carne ed ossa sullo schermo del cinema (e su quello casalingo), interpretata da Emma Stone, a più di vent’anni dalla Crudelia De Mon di Glenn Close. Continua »

Il braccio violento della legge e quel che ne consegue: SHORTA

Con alcune affinità al bel poliziesco francese I Miserabili (2019) di Ladj Ly ma con un mood completamente differente che accentua il clima da guerriglia urbana, Shorta (conosciuto anche come Enforcement) rappresenta l’esordio alla regia di un lungometraggio del duo Frederik Louis Hviid, Anders Ølholm. Continua »

In trappola in una capsula criogenica: OXYGENE

Alexandre Aja con il suo Oxygene mette a segno un film di fantascienza molto teso e vibrante, nel quale troviamo dinamiche da thriller psicologico e investigativo, unite a qualche lieve incursione da dramma e atmosfere intriganti e suggestive. Continua »

MORTAL KOMBAT: Il violento videogame torna al cinema

Dopo l’acquisizione da parte di Warner Bros. del brand videoludico e il rinato interesse mediale generato dal corto e dalla webserie, a Hollywood c’era odore di nuovo adattamento cinematografico già da un decennio finché, grazie all’interesse della Atomic Monster, la casa di produzione di James Wan, il nuovo film di Mortal Kombat è diventato realtà. Continua »

Il terzo THE CONJURING affronta uno spinoso caso di possessione demoniaca

Chaves non fa un cattivo lavoro e in più di una soluzione, anzi, risulta assolutamente brillante e di gran mestiere, ma se The Conjuring – L’evocazione e The Conjuring – Il caso Enfield erano degli ottimi horror, The Conjuring – Per ordine del diavolo è “solo” un buon horror. Continua »

Angelina Jolie, pompiere con istinto materno nel thriller QUELLI CHE MI VOGLIONO MORTO

Una paracadutista dei vigili del fuoco con trauma alle spalle e un orfanello fuggitivo da due improbabili sicari sono gli elementi principali del thriller Quelli che mi vogliono morto, ritorno dietro la macchina da presa, a distanza di quattro anni da I segreti di Wind River, del talentuoso regista/sceneggiatore Taylor Sheridan che dirige una Angelina Jolie in grande forma. Continua »

Sarah Paulson mamma terribile in RUN

Partendo da un concept intrigante anche se non particolarmente originale, il trentenne Aneesh Chaganty scrive e dirige Run dopo aver esordito nel 2018 con il riuscito desktop-thriller Searching. Run vive di alti e bassi e se da un punto di vista prettamente commerciale è un passo avanti per la carriera del regista, da un punto di vista artistico è un preoccupante arresto. Continua »

OLDBOY, 18 anni dopo

Nell’immaginario collettivo di una generazione, forse il film coreano che più di tutti gli altri ha colpito il pubblico occidentale ed è sopravvissuto alla prova del tempo (e della memoria) è Oldboy di Park Chan-wook. Un film di genere che è anche un film d’autore, punta di una personalissima trilogia, la trilogia della vendetta, che Park ha iniziato nel 2002 con Mr. Vendetta e concluso nel 2005 con Lady Vendetta, con la quale ha esplorato le più grette e animalesche pulsioni umane con un lirismo e una poesia (sempre intrisi di pulp) incredibili. Continua »

Il cane più amato del cinema e della tv in un nuovo film, LASSIE TORNA A CASA

Creato dallo scrittore inglese Eric Knight e protagonista del romanzo Lassie Come Home pubblicato per la prima volta nel 1940, Lassie è senza ombra di dubbio uno dei cani più famosi del grande e del piccolo schermo. Una vera e propria icona nata a metà del Novecento, capace di trovare fertili adattamenti un po’ su tutti i media (dalla letteratura al cinema, dalla tv alla radio, passando persino per una serie animata ed una raccolta a fumetti) e nata con l’obiettivo di accompagnare la fantasia e l’immaginazione dei più piccoli in un percorso di crescita da poter condividere insieme alla famiglia. Continua »

THE AMUSEMENT PARK, il film perduto (e ritrovato) di George A. Romero

Scritto da Wally Cook e girato interamente al West View Park, in Pennsylvania, The Amusement Park non vide mai realmente luce, boicottato dalla stessa società luterana che lo aveva prodotto perché considerato disturbante e spaventoso. Continua »

Il torture porn per eccellenza cambia pelle: SPIRAL - L’EREDITÀ DI SAW

Con un’atmosfera da thriller anni ’90 che si addice molto al tipo di storia raccontata in questo capitolo della saga e un utilizzo del gore che farà felici tutti fan di Saw, Spiral – L’eredità di Saw si può senz’altro considerare promosso nell’ottica dell’attuale panorama thriller/horror ma non è comunque un tentativo pienamente riuscito di resuscitare la saga. Continua »

Daisy Ridley e Tom Holland nel fanta-distopico CHAOS WALKING

Adattamento del primo dei tre romanzi della saga letteraria Chaos Walking di Patrick Ness, il film di Doug Liman ha avuto una produzione molto travagliata iniziata nel 2017 che ha dato vita a una copia “provvisoria” del film stroncatissima in occasione di uno screening test. Continua »

Anderson + Jovovich alle prese con un nuovo cine-videogame: MONSTER HUNTER!

Monster Hunter ci mette nei panni di un cacciatore di mostri, intesi come draghi e animali leggendari, e si ambienta in un mondo fantastico fuori dal tempo e da qualsiasi coordinata geografica. Continua »

La Pixar sbarca nelle Cinque Terre liguri con LUCA di Enrico Casarosa

Il mare, il sole, l’estate, la gioventù. L’Italia. Soprattutto l’Italia! Quell’elemento che può far davvero la differenza per un abitante del Belpaese guardando l’ultimo bellissimo film Disney-Pixar, Luca, che è ambientato proprio nella meravigliosa cornice delle Cinque Terre liguri. Continua »

Carey Mulligan è UNA DONNA PROMETTENTE nel revenge movie vincitore di un Oscar

Quello che fa la differenza in Una donna promettente è la protagonista stessa, una splendida Carey Mulligan – sicuramente alla sua migliore performance che le darà diverse soddisfazioni – che interpreta un personaggio molto ben costruito, ricco di sfaccettature con cui è facile empatizzare nonostante il muro che volutamente erge con lo spettatore. Continua »

Inizio e prosecuzione dello splendido horror di John Krasinski nel riuscito A QUIET PLACE II

A Quiet Place II si compone, dunque, di un breve prologo che ci mostra da dove sono arrivate le letali creature mostruose che hanno messo in ginocchio l’America (e forse il mondo) per proseguire poi come un canonico sequel. Il risultato è ottimo e A Quiet Place II è un film riuscito tanto quanto il precedente, al quale paga pegno solo a causa dell’assenza di una reale novità. Continua »

 

Resident Evil: Welcome to Raccoon City, la recensione

È stato lo stesso regista e sceneggiatore Johannes Roberts a dichiarare a IGN che il vero slancio creativo per dar vita a Resident Evil: Welcome to Raccoon City è stato il remake videoludico di Resident Evil 2 uscito su console a inizio 2019. È dal 2017, infatti, che la Constantine Films ha messo in cantiere un reboot cinematografico della saga di Resident Evil, subito dopo la conclusione della “creativa” storyline costruita da Paul W.S. Anderson con i sei film interpretati da Milla Jovovich.

Inizialmente la Atomic Monster di James Wan si era interessata al progetto, ma con l’entrata in scena dell’inglese Johannes Roberts, talentuoso autore di chicche di tensione come The Other Side of the Door, 47 metri e The Strangers – Prey at Night, il regista di The Conjuring e Malignant è uscito di scena. Ma sia il “vecchio” progetto che vedeva coinvolto Wan che il nuovo corso guidato da Roberts hanno sempre avuto un obiettivo comune: il nuovo film di Resident Evil deve essere un VERO Resident Evil e ispirarsi direttamente ai videogame!

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Una famiglia mostruosa, la recensione

Adalberto e Luana sono due giovani innamorati. La loro storia viaggia alla velocità della luce ma quando scoprono di aspettare un figlio, entrano entrambi nel panico al pensiero di dover dare la notizia alle rispettive famiglie. Per Luana, tuttavia, il problema sembra essere più facile da affrontare dal momento che sostiene di essere orfana ma per Adalberto le cose non sono affatto così semplici. Nato in una famiglia di mostri, con un padre vampiro e una madre strega, il ragazzo sa molto bene che a casa sua gli umani non sono ben visti (se non come carne da macello). Ma ormai il danno è fatto, Luana è incinta e Adalberto non può fare altro che condurre la sua fidanzata al castello di famiglia così da presentarla ai suoi genitori, ma anche alla sorellina vampira, allo zio assemblato in laboratorio e ad una sua vecchia fiamma amica di famiglia che ha il dono dell’invisibilità.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 3.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Hotel Poseidon, la recensione del film in anteprima al Be Afraid Horror Fest 2021

Presentato in anteprima mondiale al BIFFF (Brussels International Fantastic Film Festival) e italiana al ToHorror di Torino e nella terza edizione del Be Afraid Horror Fest, Hotel Poseidon è l’opera prima del belga Stef Lernous. E qui c’è subito bisogno di aprire una parentesi.

Lernous ha una carriera decennale nel mondo del teatro come regista e attore, nonché fondatore e direttore della Compagnie Abattoir Fermé, una formazione teatrale che si rispecchia totalmente nel suo primo lungometraggio, da lui anche sceneggiato. Quindi Hotel Poseidon ha un’impostazione che deve molto al palcoscenico: totalmente in interni, con pochi attori in scena e un’enfasi grottesca nella messa in scena che potrebbe lasciare perplessi i più.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Encanto, la recensione

Scorrendo la lista dei classici d’animazione della Disney si può notare come la Casa di Topolino abbia sempre avuto una certa coerenza distributiva con i loro film, anche nei momenti meno propizi, ma si sia decisamente intensificata l’offerta negli ultimi anni, probabilmente dettata dall’incremento del successo che questi prodotti hanno avuto con l’uscita di Frozen – Il regno di ghiaccio nel 2013. In ben due anni, infatti, notiamo che oltre alle uscite congiunte con Pixar e opere live-action a tema, ci sono stati ben due film d’animazione a marchio unico Disney: il 2016 con Zootropolis e Oceania e il 2021 con Raya e l’ultimo drago ed Encanto.

Se l’avventuroso Raya e l’ultimo drago è stato particolarmente sfortunato a causa della pandemia che ne ha compromesso il rilascio cinematografico, Encanto si appresta ad arrivare sul grande schermo dal 24 novembre e, dopo un mese esatto, in tempo per Natale, approderà su Disney+… il ché ce la dice lunga sulla nuova calibrazione delle priorità distributive Disney.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

E’ stata la mano di Dio, la recensione

L’adorazione di Paolo Sorrentino per Maradona ormai è ben nota a tutti, dalle continue citazioni nei suoi film fino ai ringraziamenti nella notte degli Oscar, quando vinse la statuetta per il miglior film straniero grazie a La grande Bellezza. Un legame, quello tra Maradona e la città di Napoli, che va oltre il semplice tifo, e che si intreccia in profondità con la vita del giovane Sorrentino. Citando il regista infatti: “A me Maradona ha salvato la vita“.

È stata la mano di Dio, il nuovo film di Paolo Sorrentino presentato in concorso alla 78ª Mostra del Cinema di Venezia, fin dal titolo non nasconde l’elogio del campione argentino, scomparso il 25 novembre del 2020, citando quello storico gol di mano che gli valse l’appellativo “la mano di Dio”. Il film però non è assolutamente una biografia di Maradona, ma un film che racconta la forza del legame tra la città di Napoli e lo stesso Sorrentino alla figura del più grande calciatore della storia.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Sir Gawain e il Cavaliere Verde, la recensione

Il sesto lungometraggio del regista statunitense David Lowery, noto al grande pubblico per il live-action Disney Il drago invisibile, la drammatica ghost-story Storia di un fantasma e il nostalgico Old Man & the Gun, è Sir Gawain e il Cavaliere Verde, liberamente ispirato all’omonimo romanzo cavalleresco scritto da autori sconosciuti nel XIV secolo. La storia racconta le gesta di Sir Gawain, un testardo e goffo nipote di Re Artù, dedito al vagabondaggio, che si imbarca nell’ardua impresa di affrontare il temuto Cavaliere Verde, un misterioso sconosciuto dalla pelle color smeraldo.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Suicide Squad: la missione suicida di James Gunn in blu-ray

Forse è uscito al cinema nel momento sbagliato, quando le sale erano ancora viste con sospetto post-riapertura e l’introduzione del green pass ha preso in contropiede qualcuno, oppure la strategia ibrida distributiva negli Stati Uniti ha compromesso in parte anche il successo altrove con il proliferare della pirateria, fatto sta che The Suicide Squad – Missione suicida non è stato quel successo al botteghino che ci saremmo aspettati e augurati. Ma ciò non toglie che, ad oggi, quello di James Gunn sia il cinecomic più riuscito, divertente, coraggioso e sfrontato da almeno due anni a questa parte, ovvero da quando la pandemia ha frenato e costretto al posticipo selvaggio tutti i blockbuster in distribuzione. Ora The Suicide Squad – Missione suicida è disponibile anche in home video grazie a Warner Bros Entertainment con una buona varietà di soluzioni utili a venire in contro a qualsiasi esigenza: DVD, Blu-ray, 4K Ultra HD e Steelbook 4K+Blu-ray.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Arriva il Bloody Festival Roma 2021!

Si svolgerà il 29 Novembre 2021 presso il Nuovo Cinema Aquila di Roma (via L’Aquila 66), la terza edizione del Bloody Festival Roma, organizzato da L.Armonia.

Ultimamente impegnato nelle riprese di Occhiali neri, che segna il suo atteso ritorno sul grande schermo dopo molti anni di assenza, il Maestro dell’italian thrilling sarà testimonial di questa nuova edizione del Bloody Festival Roma, che avrà come madrina Manuela Arcuri e il cui sponsor è la ZTV Production di Sergio Romoli.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

I fiumi di porpora: il thriller cult con Reno e Cassel in blu-ray limited edition Midnight Factory

C’era un periodo a cavallo tra secondo e terzo millennio in cui l’industria cinematografica francese ha dato il meglio di sé sul cinema di genere, strizzando spesso l’occhio al panorama a stelle e strisce. Parliamo di quel cinema a cui ha fatto da apripista Luc Besson e la sua EuropaCorp, ancora oggi molto attiva e perfettamente integrata nel sistema produttivo internazionale. Siamo proprio nel 2000 e in questo contesto arrivava nei cinema I fiumi di porpora, un thriller diretto dall’enfant prodige Mathieu Kassovitz che nel 1995 si era fatto conoscere con L’odio, vincendo un premio a Cannes.  

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Stand: arriva in blu-ray la miniserie televisiva tratta dal celebre romanzo di Stephen King

Il rinnovato interesse mediale per l’operato di Stephen King, fondamentalmente scaturito dal successo incredibile del primo capitolo della nuova trasposizione di IT, ha fatto da apripista a una serie di progetti che portano il marchio del Re del brivido e questo sta accadendo soprattutto sul piccolo schermo. Oltre ad alcuni film commissionati dalle piattaforme streaming, come Il gioco di Gerald1922 e Nell’erba alta, sono numerose anche le serie ad attingere dai suoi romanzi. Tra queste c’è un’altalena qualitativa che, bene o male, sta rispecchiando quanto già accaduto durante la precedente ondata di miniserie tratte dalle opere di King, ovvero gli anni ’90, quando faceva capolino – tra le molte – anche L’ombra dello scorpione, miniserie in 4 episodi diretta da Mick Garris e approdata sulle tv nel 1994 (da noi due anni dopo, su Italia1). Ora, quella stessa opera pubblicata per la prima volta nell’ormai lontano 1978 torna nuovamente sottoforma seriale, The Stand (titolo originale anche del romanzo), porta la firma creativa di Josh Boone (The New Mutants) e Benjamin Cavell (JustifiedHomelandSEAL Team), la regia di molti episodi del talentuoso Vincenzo Natali (Cube – Il cuboSplice) e la supervisione allo script, oltre che la scrittura di alcuni episodi, dello stesso Stephen King. The Stand, arrivata in Italia ad inizio 2021 sul canale on demand Starz Play, è da poco disponibile in blu-ray grazie ai canali distributivi di Koch Media.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)