JOHN WICK è tornato in azione nel terzo film della saga

Una trama semplice, un personaggio ben caratterizzato, sequenze d’azione magnifiche: insomma, ogni cosa profumava di cult e così è accaduto, dal momento che John Wick si è in breve tempo imposto come nuovo punto di riferimento per il cinema hard boiled. Continua »

La magia di ALADDIN torna a mietere successo nel remake live action del classico Disney

Seguendo con fedeltà l’opera di Musker e Clements, la versione live action di Aladdin decide di agganciarsi a una tradizione cultural-cinematografica ben precisa, quella bollywoodiana. Continua »

L’ANGELO DEL MALE – BRIGHTBURN... e anche Superman diventa horror!

Brightburn – L’angelo del Male non è ne più ne meno che Superman. Il film diretto da David Yarovesky, scritto da Brian e Mark Gunn e prodotto da James Gunn è palesemente la versione horror e perversa dell’eroe venuto da Krypton e ne esibisce fieramente tutte le peculiarità. Continua »

Bellocchio e Favino raccontano il pentito di mafia Buscetta ne IL TRADITORE

L’ultima fatica del pluripremiato regista Marco Bellocchio, che vede Pierfrancesco Favino nei panni del ‘boss dei due mondi’ Tommaso Buscetta, si è fatta positivamente notare sulla croisette, dove è stata presentata in concorso. Continua »

ROCKETMAN, il biopic musicale sulla vita di Elton John

Cosa si nasconde dietro gli occhialoni stravaganti, ai glitter e agli eccessivi lustrini dei costumi di Elton John? Il piccolo e introverso Reginald Dwight o un uomo infelice, eccentrico e impegnato nella costante ricerca d’amore e affetto? Ce lo racconta nel modo più coinvolgente e originale possibile il regista Dexter Fletcher in Rocketman. Continua »

Uno spettacolo di distruzione: GODZILLA II: THE KING OF THE MONSTERS

Godzilla II: King of the Monsters oltre a riportare in scena il rettile radioattivo introduce altre creature, denominate Titani, che l’appassionato di kaiju-eiga già conosce: Rodan il mostro alato, la falena gigante Mothra e il drago tricefalo Ghidorah. Continua »

Da Nick Hornby arriva la commedia romantica sulla musica JULIET NAKED

La musica che è perno portante del suo celeberrimo cult Alta Fedeltà, torna prepotentemente protagonista in Juliet, Naked – Tutta un’altra musica. Continua »

AMERICAN ANIMALS, molto più che un heist movie!

American Animals racconta esattamente il tentativo di quattro ragazzi di rapinare la biblioteca della Transylvania University di Lexington in Kentucky, nella quale il libro e tante altre opere di grande valore sono custoditi. Un altro heist movie? Un altro figlio illegittimo di Ocean’s Eleven? Nemmeno lontanamente. Continua »

Si conclude la saga degli X-MEN con DARK PHOENIX

X-Men: Dark Phoenix è l’ultimo film della saga dei mutanti Marvel, l’ultimo letteralmente, almeno della gestione 20th Century Fox. Ma, allo stesso tempo, non è un film pronto a dar l’addio ai sui personaggi, non lo è come lo è stato, ad esempio, in maniera intelligente e struggente Logan per quanto riguarda il personaggio di Wolverine. Continua »

Max, Duke e Nevosetto sono tornati in PETS 2 - VITA DA ANIMALI

Pets 2 – Vita da animali è il decimo film della Illumination, e se il primo capitolo ci ha insegnato l’accettazione e la tolleranza, quando Max ha imparato a voler bene al suo nuovo fratello peloso Duke, ora il messaggio è quello che bisogna avere sempre fiducia in se stessi, riuscire a fare la cosa giusta anche quando si ha paura e che l’unione fa sempre la forza. Continua »

POLAROID: quella macchina fotografica uccide!

Quando ci si imbatte in prodotti come Polaroid, lungometraggio d’esordio del norvegese Lars Klevberg, si rimane un po’ sconcertati dal vuoto totale che un genere meraviglioso come l’horror possa a volte generare. Continua »

A MANO DISARMATA: la vera storia di Federica Angeli

A mano disarmata, diretto da Claudio Bonivento e tratto dall’omonimo libro, racconta la storia vera di Federica Angeli, la cronista di Repubblica che dal 2013 vive sotto scorta a causa delle minacce da parte del clan ostiense degli Spada. Continua »

Gaspar Noé torna a provocare con il delirante horror coreografico CLIMAX

Climax, l’ultima opera del regista argentino naturalizzato francese, è in perfetta sintonia con la poetica di Noé, abbracciandone pregi e difetti e, per questo motivo, è un film che va fruito con la debita preparazione all’operato dell’autore. Continua »

Giorgio Tirabassi dirige e interpreta IL GRANDE SALTO!

Dopo quasi quarant’anni di fortunata carriera, il sempre bravo (e simpatico) Giorgio Tirabassi decide di accrescere il suo percorso nello spettacolo passando anche dietro la macchina da presa. Ecco dunque che Il grande salto non è solo il titolo del suo esordio in cabina di regia ma, metaforicamente parlando, assume anche la valenza di una sincera dichiarazione d’intenti nonché un’ottimistica previsione sulla sua attività presente e futura. Continua »

Steve Carrell e Timothée Chalamet nello struggente BEAUTIFUL BOY

Beautiful Boy è cinema o un’operazione pubblicitaria? Verrebbe da scegliere immediatamente la prima opzione, ma qualcosa spinge nell’altra direzione. Continua »

Gli zombi senza verve di Jim Jarmusch: I MORTI NON MUOIONO

I morti non muoiono (The Dead Don’t Die) è stato scelto per aprire la competizione del 72° Festival di Cannes, scelta singolare per un film sui morti viventi se non fosse per il nome del regista e sceneggiatore, abbonato alla Croisette dai tempi di Stranger Than Paradise (1984). Solo che le fin troppo alte aspettative sono state tradite e quella di Jim Jarmusch è una zombie-comedy sciocchina, poco divertente, per nulla suggestiva e men che meno ispirata. Continua »

 

Serenity – L’isola dell’inganno, la recensione

Le vie del postmoderno sono infinite e se il cinema del XXI° secolo ci sta insegnando una lezione è che l’unica via per il “nuovo” è il riciclo selvaggio del “vecchio”, ancor meglio se il risultato è generato da un sapiente quanto irresponsabile mix di generi e suggestioni. Steven Knight, fiore all’occhiello dell’attuale parco di sceneggiatori hollywoodiani, conosce bene questa lezione e sta improntando la sua carriera sul concetto di contaminazione, atta alla creazione di oggetti pop tanto affascinanti quanto stranianti: basti pensare ad Allied – Un’ombra nascosta di Robert Zemeckis e Millennium: Quello che non uccide di Fede Álvarez, oggetti imperfetti eppure palesemente risultato di scelte molto oculate.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 4.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Chernobyl: il nocciolo della questione

L’orrore.

Il dolore.

L’angoscia.

L’ansia.

Immagini truci, crude e che fanno letteralmente rivoltare lo stomaco.

Gli attori così bravi, da sembrare davvero i politici russi di fine anni Ottanta.

Una catastrofe immane, un evento realmente accaduto.

Sì, parliamo di Chernobyl, la serie tv più bella di sempre e con il voto più alto della storia dato dagli utenti (più di Breaking Bad, più di Game of Thrones, più di qualsiasi altro prodotto seriale).

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Murder Mystery, la recensione

Se coltivate il sogno segreto di improvvisarvi detective dopo aver casualmente assistito a un omicidio, Murder Mystery vi farà drizzare le antenne (per poi farvele afflosciare… ma andiamo per gradi). A impersonare la signora Fletcher del caso abbiamo due nomi forti della commedia: Jennifer Aniston e Adam Sandler.

Audrey e Nick Spitz sono sposati da quindici anni; lei è “solo una dannata parrucchiera” appassionata di gialli, lui un agente di polizia col vizietto della menzogna compulsiva. La più grossa di tutte: aver fatto credere alla moglie di essere diventato detective, quando in realtà ha fallito l’esame ben tre volte.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 4.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Lo squalo: analisi di un cult

Bene contro male, uomo contro natura, ingegno contro forza bruta, terra contro mare: Jaws – Lo squalo è il film che ha portato il nome di Steven Spielberg sulla bocca di tutti rendendolo protagonista, assieme ad altri “ragazzini” del calibro di Martin Scorsese, F. F. Coppola, Brian De Palma e George Lucas, della rinascita di Hollywood a cavallo tra anni ’70 e ’80.

Uscito nelle sale cinematografiche il 20 Gennaio 1975, Lo squalo diventa in breve tempo il film di maggior incasso commerciale dell’epoca (verrà superato due anni dopo dal suo amico George Lucas che dirigerà il primo capitolo della saga di Star Wars). Il successo al botteghino (e non solo) di questo film è infatti considerato un momento di svolta, e porta alla ribalta quello che diventerà indubbiamente il regista di più grande successo commerciale della storia del cinema.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 2 voti)

Non ci resta che il crimine di Massimiliano Bruno disponibile in DVD

Per il nostro cinema, il 2019 si è aperto all’insegna di una commedia molto sopra le righe: Non ci resta che il crimine, co-scritto e diretto da Massimiliano Bruno ed interpretato da una serie di volti vincenti come Marco Giallini, Alessandro Gassmann, Gianmarco Tognazzi, Edoardo Leo e Ilenia Pastorelli. Una commedia sopra le righe, quella di Bruno, determinata a creare un’interessante (e riuscita) contaminazione fra generi. Se di base, appunto, Non ci resta che il crimine è una classica pochade, si notano fondamentali elementi fantascientifici per dare innesco all’intreccio (il viaggio nel tempo) e un impianto crime che, per quanto farsesco, attinge a fatti e persone realmente esistite. Non ultimo, il tentativo di cavalcare quest’onda della fascinazione vintage per gli anni ’80 che continua a coinvolgere tutto e tutti. Non ci resta che il crimine è disponibile da qualche settimana sia in DVD che in alta definizione blu-ray grazie ai canali di 01 Distribution.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Notte nuda, la recensione

Lorenzo Lepori appartiene a quella cerchia abbastanza ristretta di registi indipendenti italiani che hanno il coraggio di osare, cioè esporsi, adottare un proprio stile e una propria poetica, e anche mostrare scene forti. Accanto a Lepori possiamo citare registi come Raffaele Picchio, Domiziano Cristopharo, Lorenzo Bianchini e Simone Scafidi (i primi nomi che vengono in mente, ma ce ne sono anche altri): ciascuno in modo molto differente, ma tutti accomunati dalla particolare e personale impronta che infondono alle loro opere. Dopo il gustosissimo horror a episodi Catacomba (2016), ispirato ai fumetti (e film) horror/sexy italiani degli anni Settanta, le aspettative riguardo a Lepori sono molto alte, per chi ama questo particolare modo di fare cinema – Lepori vuole sempre fare un cinema orgogliosamente di serie B: in particolare gli ultimi due episodi dell’omnibus – cioè Una messa nera per Paganini e La maschera della morte rossa – mostravano un gusto estetico particolarmente ricercato, con fotografia e scenografie eleganti, e una messa in scena molto spinta nelle sequenze di sangue e di sesso (talvolta rasenti l’hard).

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Injustice for all: When They See Us di Ava DuVernay

La regista afroamericana Ava DuVernay nella miniserie When They See Us ci racconta, in appena quattro episodi, l’incredibile vicenda giudiziaria di alcuni ragazzi di colore condannati senza prove evidenti per uno stupro che non hanno mai commesso. Il caso è quello noto della jogger di Central Park, che nell’aprile del 1989 venne trovata in fin di vita dopo essere stata derubata, pestata ed infine violentata.

Chi sono i loro che ci guardano? Le autorità? I bianchi? E quando ci guardano cosa vedono? Criminali e presunti colpevoli già solo per avere una pelle diversa, una cultura diversa, un modo di vivere diverso. È questo il messaggio che sembra far passare la regista e co-autrice della sceneggiatura: ma è un black quotes necessario nell’era Trump/Salvini che stiamo vivendo, mai forzato e sempre funzionale alla vicenda raccontata.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Il ritratto negato, la recensione

Il ritratto negato (Powidoki) è l’ultimo film lasciatoci in eredità dal cineasta polacco (anzi, artista a tutto tondo) Andrzej Wajda. Per indagare e cercare di comprendere il poetico contenuto del film occorre inquadrare brevemente il periodo storico in cui è ambientato il racconto.

Siamo in Polonia nel 1950. Nel primo dopoguerra il Partito Operaio Unificato Polacco controllava l’intero paese ed era strettamente legato all’Unione Sovietica. La “longa manus” del governo non si limitava a dettare le regole sociali e politiche ma si spingeva anche oltre. L’arte, in generale, doveva asservire ai dettami imposti dal Partito e l’unico schema da seguire con rigore era il cosiddetto “realismo socialista”.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Spider-Man: Far From Home, la recensione

Così come accaduto nel 2018, anche quest’anno i Marvel Studios hanno strutturato l’uscita dei loro film facendo seguire a un titolo importante e dai toni drammatici un film più leggero, utile a smorzare con umorismo e il linguaggio della commedia i fatti gravosi raccontati in primavera. Se lo scorso anno al primaverile Avengers: Infinity War ha fatto seguito l’estivo Ant-Man and the Wasp, ora all’intenso Avengers: Endgame segue Spider-Man: Far From Home. Ma attenzione, perché il secondo film assolo di Spider-Man non è solo un passatempo utile a temporeggiare in attesa di un nuovo film collettivo, ma si fa anche portatore di importanti sviluppi all’interno del Marvel Cinematic Universe.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 2 voti)

Stranger Things 3: un’estate per crescere

Nel momento in cui Netflix annuncia che Stranger Things 3 ha battuto tutti i record del colosso dello streaming raggiungendo in soli 4 giorni ben 40 milioni di account, ci troviamo a trarre le fila di una stagione chiaramente creata come punto di transizione all’interno dell’avventura larger than life dei ragazzini di Hawkins, nell’Indiana, e del loro particolare approccio con il soprannaturale e l’entrata nell’età adulta.

La terza stagione di Stranger Things, infatti, si concentra sulla crescita: l’estate di un gruppo di ragazzini che si fa metafora della loro passaggio all’età adulta. Perché l’estate si sa, è una stagione di transizione, di crescita, di esperienze: finisce l’anno scolastico e si apre un mondo che tra vacanze al mare, campi estivi, gite all’estero, riesce a segnare quei bambini, a farli crescere, dar loro quei ricordi che li fa sentire un po’ più maturi e pronti ad affrontare un nuovo, difficilissimo anno scolastico o, in generale, la vita.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 2 voti)