Archivio categorie: Horrorside

Antebellum: in blu-ray l’horror politico che rievoca gli orrori dello schiavismo

La più grande onta per la storia degli Stati Uniti? Facile! Lo schiavismo.

Una pratica che ha avuto luogo negli stati del Sud fino al 1865 quando, grazie al XIII emendamento della Costituzione, ci fu finalmente l’abolizione e la proibizione della schiavitù. Eppure, nonostante siano passati oltre 150 anni dalla fine di queste barbarie, l’ombra dello schiavismo ancora si staglia negli incubi di generazioni di afroamericani che hanno le proprie radici bagnate nel sangue. Non è un caso, infatti, se oggi una buona fetta del cinema americano di genere che sceglie la tematica razziale come argomento principale faccia irrimediabilmente riferimento a quell’epoca e a quelle pratiche barbare, come accade anche in Antebellum, primo lungometraggio firmato dal duo Gerard Bush e Christopher Renz.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Funhouse: strage di influencer nel nuovo horror targato Midnight Factory

Fino a che punto può spingersi la fame di like? In un mondo “socialcentrico” come quello in cui viviamo, la vita umana potrebbe anche essere considerata un’adeguata merce di scambio per raggiungere l’agognata visibilità e, infatti, non sono pochi i film e le serie tv che riflettono proprio su questa “mania” odierna utile a compensare l’ego di molti individui. Dall’ormai celebre Black Mirror (e in particolare lo splendido episodio che ha inaugurato la terza stagione, Nosedive) ai cyber-horror che si ambientano nel mondo dei social network, si espande sempre di più la voglia del cinema di genere di esplorare le dinamiche, spesso tossiche, che portano a una dipendenza da social. Affronta il tema e lo espande alle logiche del reality show l’horror Funhouse, che Midnight Factory ha distribuito in Italia in limited edition Blu-ray e DVD.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Shadows: arriva in DVD il thriller sci-fi diretto da Carlo Lavagna e prodotto da Matteo Rovere

È disponibile da pochi giorni sul mercato home video Shadows, thriller psicologico dalle sfumature sci-fi e horror diretto da Carlo Lavagna e presentato nell’ambito di Alice nella città durante la scorsa edizione della Festa del cinema di Roma. Una coproduzione Italia-Irlanda che vede coinvolta, nella quota italiana, la Ascent Film di Matteo Rovere, il quale continua a confermarsi come punto di riferimento per l’attuale cinema di genere italiano. Costretto a rinunciare all’uscita in sala per motivi ormai ovvi, lo scorso novembre Shadows ha fatto il suo debutto su Amazon Prime Video sotto il marchio Vision Distribution. Adesso il film di Carlo Lavagna arriva anche sul mercato home video – purtroppo solo su supporto DVD – grazie ai canali distributivi CG Entertainment.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Superdeep, la recensione

La tradizione dei racconti del terrore si divide in due principali famiglie dalle fonti e dalle origini etniche e culturali diverse fra loro, anche se allo stesso tempo correlate più di quanto si possa pensare: da un lato, infatti, abbiamo la letteratura nel senso classico del termine, quella alta e colta, fatta da autori di grande e piccola importanza le cui fervide menti hanno generato i cosiddetti mostri classici (Dracula e Frankenstein, giusto per citate due nomi famosi ai più); dall’altra, al contrario, vi è il vastissimo insieme di racconti popolari, storie tramandate per via orale nei secoli e che mutano a seconda delle epoche storiche e, soprattutto, dei contesti culturali nei quali esse trovano diffusione.

Tra questi ultimi vi è la leggenda metropolitana di origine russa legata al pozzo super profondo di Kola, località nella quale un gruppo di scienziati sovietici, a cavallo tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta, ha scavato un buco profondo fino a 14 km per condurre esperimenti scientifici. La cosa inquietante, però, è che un microfono piazzato sul fondo di tale abisso pare abbia registrato voci umane appartenenti, secondo la credenza popolare, alle anime dell’inferno.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Pantafa, in arrivo un horror italiano sul demone del sonno

Pantafa

Sono da poco terminate le riprese di Pantafa, il lungometraggio horror diretto da Emanuele Scaringi e interpretato da Kasia Smutniak.

Angoscianti disturbi del sonno e oscure leggende popolari per raccontare la storia inquietante di una mamma che cerca di fare la cosa migliore per il bene della propria bambina.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Demoni e mutazioni in alta definizione blu-ray: Jack in the Box e Rupture

Già da qualche settimana, l’offerta home video di CG Entertainment si è arricchita con due titoli desiderosi di indagare il lato più oscuro e marcio del “fantastico”. Dall’horror alla fantascienza, atavici demoni affamati di anime e sinistre mutazioni che partono dal cervello per ripercuotersi sul corpo. Sono disponibili in alta definizione blu-ray disc l’inquietante Jack in the Box e l’inedito body horror Rupture interpretato da Noomi Rapace e Peter Stormare.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Relic, la recensione

Relic

Il cinema horror sta attraversando un momento particolarmente roseo, innalzato e celebrato come forma d’arte al pari di altre opere considerate meritevoli di attenzioni da parte di blasonati festival. Oggi, grazie ad autori dalla personalità forte e originale come Ari Aster e Robert Eggers, possiamo notare un occhio di riguardo da parte delle “élite” anche per il cinema del brivido con il proliferare di opere che guardano al genere raccontando però le idiosincrasie della società o particolari stati d’animo che caratterizzano la contemporaneità. Ad unirsi al coro della new wave horror internazionale troviamo l’australiana Natalie Erika James, che dopo essersi fatta notare con il cortometraggio Creswick, ha esordito nel lungometraggio nel 2020 scrivendo (insieme a Christian White) e dirigendo Relic.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Dark Red, la recensione

Arriva in home video il 24 marzo 2021, solamente in DVD, distribuito da Blue Swan Entertainment il thriller The Dark Red, misteriosa storia di una donna creduta pazza e rinchiusa in un ospedale psichiatrico che sta covando una cruenta vendetta. Il film è disponibile anche a noleggio su Chili, Infinity, Google Play.

Quando il cinema vuole raccontarci una storia che ha a che fare con persone schizofreniche, spesso sceglie la strada del dubbio sulla reale condizione mentale del personaggio. Un topos ormai consolidato della narrazione fictional, infatti, è mostrare un personaggio clinicamente ritenuto instabile in un contesto complottistico in cui si insinua nello spettatore il tarlo del dubbio: ma quel personaggio è davvero pazzo oppure le sue deliranti storie hanno una base di verità? Solitamente, la seconda risposta – per il bene dell’entertainment – è quella esatta ma il buon thriller The Dark Red, scritto e diretto da Dan Bush, già autore del fantascientifico Signal (2007) e dell’heist-movie in chiave horror The Vault (2017), incentra una buona prima metà del suo film proprio sull’ambiguità della situazione, giocando con la mente poco lucida della protagonista.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Come ti realizzo un horror d’autore. Intervista a Natalie Erika James, regista di Relic

Il 24 marzo uscirà in DVD e Blu-ray distribuito da Blue Swan Entertainment, anticipato dalla messa a noleggio sulle maggiori piattaforme TVOD, il potentissimo horror/drama di Natalie Erika James Relic, presentato con successo al Sundance Film Festival 2020 e, in Italia, alla 20ª edizione del Trieste Science+Fiction Festival. Proprio in occasione della release home video italiana, abbiamo incontrato la regista e sceneggiatrice di Relic.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Rental, la recensione

Due coppie in cerca di riposo e svago dalla vita quotidiana, una villetta sperduta e isolata dal mondo, il fitto e oscuro bosco circostante, il mare e la quiete che sfocia in un silenzio quasi assordante e foriero di eventi negativi. Quante volte abbiamo già visto un canovaccio simile? Tante, forse in alcuni casi anche troppe. Una formula vincente dalla quale sono scaturite infinite e prolifiche saghe cinematografiche che hanno influenzato, per estetica dei killer e coreografie degli omicidi, intere generazioni di cinefili e futuri registi.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)