Archivio categorie: Cinema

Horizon – An American Saga – Capitolo 1, la recensione

C’era una volta il western. Un genere magnifico e incredibilmente codificato, capace di raccontare l’origine dell’America, quindi la Storia, e allo stesso tempo imbastire racconti di eroici cavalieri e perfidi padroni, donzelle in pericolo (ma spesso in grado di salvarsi da sole), amori e grandi amicizie. È la rilettura del mito omerico applicata alla Frontiera americana che ha dato modo a grandi nomi del cinema mondiale (non solo statunitense) di tessere una tela fatta di archetipi affascinanti e complessi che molto ci dicono della società americana e di come si è trasformata negli anni.

Quel western che c’era, ad un certo punto, sembra non esserci stato più, rigettato dai gusti cangianti del pubblico, raramente resuscitato dalla verve pop di chi con quel cinema c’è cresciuto, ma mai davvero scomparso. Perché ci sono autori in quel di Hollywood che il western lo amano davvero e sanno trasmettere quel loro amore anche al pubblico, come Kevin Costner, che negli anni si è fatto uno dei maggiori portavoce di questo genere non sempre capito e apprezzato dal grande pubblico. Se Balla coi lupi ha saputo sdoganare la visione di Costner per il western in uno dei rari successi commerciali di questo genere degli ultimi 35 anni, Terra di confine – Open Range l’ha confermata (senza il successo sperato), ma anche quando Costner non ha affrontato il western di petto ha comunque seguito le regole del genere, come nello sfortunato post-apocalittico L’uomo del giorno dopo.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

La memoria dell’assassino, la recensione

Quello del sicario o dell’agente speciale affetto da una qualche malattia e intento in un’ultima missione prima della dipartita sta diventando un vero e proprio filone all’interno del cinema action/thriller. Se Kevin Costner era un agente della CIA malato terminale in 3 Days to Kill (2014) e Ethan Hawke aveva solo poche ore per risolvere un caso prima di morire in Le ultime 24 ore (2017), Liam Neeson era un assassino malato di Alzheimer in Memory (2022), a sua volta remake di The Memory of a Killer (2003), titolo casualmente omonimo a quello italiano di Knox Goes Away, di e con Michael Keaton, che affronta anche un tema molto simile.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Acid, la recensione del survival-movie francese sulle piogge acide

Il riscaldamento globale è un pericolo concreto per il Pianeta e sta portando una serie di criticità ambientali che si manifestano, in primis, con una preoccupante emergenza climatica mondiale. Fenomeni sempre più estremi, frequenti e devastanti stanno minacciando l’incolumità di uomini, animali e piante; inoltre, il 2022 ha fatto registrare un caldo record in Europa con 2,26 gradi centigradi in più rispetto alla media. L’anidride carbonica nell’aria è aumenta di circa il 150% negli ultimi cento anni e la concentrazione di CO₂ è responsabile dell’innalzamento della temperatura che, a sua volta, rende sempre più frequenti fenomeni di inondazioni, siccità, dissesto idrogeologico, diffusione di malattie, crisi idrica ed estinzione di specie animali e vegetali.

Questa emergenza è stata ovviamente catturata anche dal mondo del cinema che ne ha fatto tesoro per partorire storie di devastazioni e disastri; ma se un tempo si trattava di spettacolari film di fantascienza o distopie da disaster-movie che al massimo potevano avere un’eco profetica, oggi si tratta di paure concrete, drammi reali che potrebbero realizzarsi in tempi brevi.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Trap: il trailer finale in italiano del nuovo thriller di M. Night Shyamalan

Dopo l’esordio alla regia di un lungometraggio di Ishana Night Shyamalan con The Watchers – Loro ti guardano, uscito al cinema lo scorso mese, arriva anche il nuovo film diretto da “papà” M. Night Shyamalan, Trap, un thriller ad altissima tensione che promette colpi di scena proprio come nella tradizione ormai cara al regista de Il Sesto Senso. Oggi possiamo mostrarvi il nuovo trailer italiano del film e il poster.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Never Let Go – A un passo dal male: una famiglia in balia di mostruosi rettili umanoidi nel trailer italiano del nuovo horror di Alexandre Aja

A un paio di mesi dall’annuncio da parte di Lionsgate dell’uscita settembrina statunitense per Never Let Go, il nuovo film di Alexandre Aja viene acquisito anche per una distribuzione nei cinema italiani. Sarà Notorious Pictures a portare nelle nostre sale l’horror apocalittico con Halle Berry il 26 settembre 2024, un giorno prima dell’uscita nei cinema americani.

Dai produttori esecutivi di Stranger Things Shawn Levy, Dan Cohen e Dan Levine, Never Let Go – A un passo dal male è diretto da Alexandre Aja, autore ben noto al pubblico horror per aver diretto autentici cult contemporanei come Alta Tensione, il remake di Le colline hanno gli occhi, Mirrors – Riflessi di paura, Piranha 3DCrawl – Intrappolati. Nel cast la vincitrice del Premio Oscar Halle Barry, affiancata da Percy Daggs IV (The Last Days of Ptolemy Grey) e Anthony B. Jenkins (Florida Man).

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Woken, la recensione

Anna è incinta, senza memoria e si trova su un’Isola del Mare del Nord. Viene accudita da Henry e Helen, mentre suo marito James cerca di spiegarle che il mondo è ormai al collasso, una pandemia ha ucciso buona parte della popolazione e loro sono al sicuro, lontano dagli infetti. Ma più passano i giorni, più i ricordi della donna riaffiorano e qualcosa nel racconto delle persone che sono con lei non le torna.

Ogni parola in più sarebbe una parola di troppo nel raccontare la trama di Woken, un dramma fantascientifico che vede la co-partecipazione produttiva di Irlanda e Italia e porta la firma in regia e sceneggiatura dell’irlandese Alan Friel, che esordisce nel lungometraggio dopo una gavetta di quasi trent’anni nel settore dei cortometraggi.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

A Quiet Place: Giorno 1, la recensione

Il prologo di A Quiet Place: Parte II ci trasportava a più di un anno prima degli eventi narrati mostrandoci, dal punto di vista della famiglia Abbott, il GIORNO 1, ovvero quando l’invasione dei feroci mostri extraterrestri sensibili ai suoni ha avuto inizio. Pochi folgoranti minuti per una delle sequenze più belle e drammatiche dell’intero film.

Prima di proseguire nella saga con una Parte III, il produttore, sceneggiatore e regista dei primi due film della saga John Kransinski ha pensato di mettersi da parte e far approfondire quel primo drammatico incontro con i mostri ma prendendo un punto di vista inedito e una location fino ad ora mai inquadrata all’interno della saga, quella metropolitana, più precisamente newyorkese. Nasce così A Quiet Place: Giorno 1, scritto e diretto da Michael Sarnoski.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 2 voti)

Hit Man – Killer per caso, la recensione

La carriera di Richard Linklater è imprevedibile.

Dalla trilogia cult con Ethan Hawke e Julie Delpy iniziata nel 1995 con Prima dell’alba si passa al western-crime The Newton Boys, poi all’animazione in rotoscope di Waking Life e A Scanner Darkly, ma c’è spazio anche per la commedia di successo con Jack Black School of Rock e per il coming of age in tempo reale (girato davvero in 12 anni!) Boyhood, vincitore di un Oscar. Che artista è Richard Linklater, dunque? Non lo so. Probabilmente è uno a cui non piace ripetersi e che non ha paura a prendere dei rischi. Con Hit Man – Killer per caso c’è un ulteriore cambio d’abito, e la commedia sentimentale si contamina con il pulp in una vicenda crime che, incredibilmente, deriva da una storia vera.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Nosferatu: ecco il terrificante trailer italiano del film di Robert Eggers

Mostrato in anteprima esclusiva in testa alle proiezioni cinematografiche statunitensi di The Bikeriders la scorsa settimana, il trailer dell’attesissimo Nosferatu di Robert Eggers si mostra anche on line; per l’occasione, condividiamo con voi la versione italiana del trailer diffusa oggi da Universal Pictures International Italy.

Scritto e diretto da Robert Eggers, apprezzatissimo autore di The VVitch, Lighthouse e The Northman, Nosferatu è la nuova personale versione del classico del cinema muto Nosferatu il vampiro, realizzato nel 1922 da Friedrich Wilhelm Murnau, rifatto nel 1979 da Werner Herzog con Nosferatu, il principe delle tenebre

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Takahata: l’altro grande volto dello Studio Ghibli torna al cinema!

Dopo il duplice successo del 2022 e del 2023 Lucky Red e Ghibli Italia hanno annunciato un nuovo ciclo di proiezioni dedicato, stavolta, all’altro grande maestro dello studio d’animazione nipponica, Isao Takahata. Quattro film che arriveranno nelle sale italiane a Luglio: Pioggia di Ricordi dal 4 al 10 Luglio; Pom poko dal 11 al 17 Luglio; I miei vicini Yamada dal 18 al 24 Luglio; La storia della principessa splendente dal 25 al 31 Luglio.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)