Archivio tag: lucky red

Famiglia all’improvviso: Istruzioni non incluse, la recensione

Remake del messicano Instructions not included (2013), Famiglia all’improvviso – Istruzioni non incluse è un film francese che gioca forte sui contrasti. Il più importante, il più evidente e il più meritevole di essere qui menzionato è un contrasto di sfondi.

Due capitoli nella vita di Samuel (Omar Sy), il nostro protagonista: il primo in un elegante resort nel sud della Francia, dove il nostro eroe mette alla prova il suo charme cialtronesco, bambino mai cresciuto, con risultati sorprendentemente (nemmeno troppo) lusinghieri. Questa prima parte del film si consuma rapida e scivola via senza troppi patemi; merito al  regista, il 37enne Hugo Gélin, per non aver ceduto alle lusinghe di un’esposizione iper – particolareggiata ed aver badato al sodo.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Elle, la recensione

C’era un tempo in cui andavano forte i “rape & revenge”, un particolare filone realistico dell’horror in cui una donna vittima di violenza sessuale si vendica in maniera dieci volte più cruenta dei suoi stupratori. Un filone inconsapevolmente iniziato da Bergman con La fontana della vergine, reso famoso da Craven con L’ultima casa a sinistra e fiorito tra gli anni ’70 e ’80, con sporadici recenti esempi che sono, per lo più, remake di vecchi classici. Ora, in maniera del tutto singolare, anche il mitico Paul Verhoeven tenta la strada del rape & revenge, ma lo fa in maniera del tutto slegata dalla tradizione con Elle, un oggetto filmico affascinante e allo stesso tempo fortemente imperfetto.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Incarnate – Non potrai nasconderti, la recensione

Capita che, pur sapendo con certezza che un determinato filone cinematografico sia stato sfruttato alla saturazione, il continuo annuncio di nuovi film appartenenti a quel filone ci faccia sperare che abbiano trovato un escamotage almeno originale che motivi “l’ennesimo film”? È un po’ quello che sta accadendo con il cinema demoniaco/esorcistico, che da una decina di anni a questa parte è tornato a “infestare” in maniera massiccia il genere horror con esiti non sempre di qualità eccelsa. Ora un nuovo tassello si aggiunge a questo mosaico con sovrabbondanza di pezzi, Incarnate – Non potrai nasconderti, che sulla carta promette almeno di offrire una variante originale!

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

American Ultra e Equals, una doppia Kristen Stewart in Blu-ray

Una sinergia distributiva porta in Italia due film che hanno un comune denominatore: Kristen Stewart. È infatti la Koch Media ad essersi assicurata la paternità home video dei due titoli che hanno per protagonista la Bella di Twilight, ma al cinema sono usciti sotto il triplice marchio Lucky Red, Leone Film Group e Adler Entertainment. Parliamo dell’action-comedy American Ultra e del fantascientifico-distopico Equals, entrambi approdati in DVD e Blu-ray Disc durante questo freddo inverno.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Il Cliente, la recensione

Meditazione esistenziale sul mistero profondo, insondabile delle relazioni umane, il cinema di Asghar Farhadi offre coerenza, lucidità di visione, potenza emotiva, una sapiente messa in scena e interpretazioni credibili e appassionate, sorrette da un’attenzione maniacale per i dettagli intimi della psicologia dei suoi personaggi. Il suo ultimo film, Il Cliente, non fa eccezione.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Florence, la recensione

Una delle astuzie più abusate dal marketing cinematografico contemporaneo riposa nell’espressione “tratto da una storia vera”. Una formuletta motivata da esigenze di cassetta che aggira il più basilare dei basilari principi che sorreggono il cinema, ovvero che una bugia ben orchestrata, congegnata attorno all’autenticità dell’emozione che conta sempre più e sempre prima di qualsiasi presupposto fattuale è di per sé più vera del vero. Lo spunto alla base di Florence origina da quella inusuale combinazione di umorismo tragedia farsa e ridicola stravaganza che è propria della vita oltre lo schermo.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

La foresta dei sogni, il film di Gus Van Sant in Blu-Ray Disc

Selezionato per il Festival di Cannes 2015 e arrivato sugli schermi italiani nella primavera 2016 distribuito da Lucky Red, è ora disponibile anche in home video La foresta dei sogni, dramma intimistico ed esistenziale con Matthew McConaughey e Naomi Watts che arriva in DVD e Blu-ray Disc grazie a CG Entertainment e Mustang Entertainment.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

È solo la fine del mondo, la recensione

Il Gran Premio della Giuria al Festival di Cannes non è altro che la cronaca di un ritorno. Louis (Gaspard Ulliel) è un giovane drammaturgo di successo che ha da 12 anni lasciato la casa natia per intraprendere un percorso di allontanamento e separazione dalla sua nevrotica famiglia. Un allontanamento dovuto probabilmente non solo alla sua natura introversa ed artistica, ma anche al fatto di essere omosessuale.
Louis ha da poco scoperto di avere un male incurabile che non viene mai nominato nel film (l’AIDS sembra essere l’ipotesi più attendibile), e il suo ritorno serve proprio ad informare i familiari della sua prossima dipartita.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 2 voti)

RomaFF11: Max Steel

Nato da una linea di giocattoli della Mattel sul finire degli anni ’90, Max Steel è il tentativo da parte della casa produttrice della bambola Barbie di seguire l’orma della rivale Hasbro e portare al cinema le sue proprietà intellettuali. Se Hasbro ha attaccato con successo con Transformers e G.I. Joe, la Mattel risponde con Max Steel, che, nelle intenzioni, ha uno spirito molto affine ai cinecomix targati Marvel Studios.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Domani, la recensione

L’industrializzazione è uno fra i punti cardine che hanno modificato lo stile di vita dell’uomo e nella fattispecie del genere umano nella sua integrità: ora il nostro pianeta è a rischio e per poterlo salvaguardare occorre coinvolgere il maggior numero di persone possibile, produrre un cambiamento.
Questo film – documentario si pone proprio l’obiettivo di raccontare il sogno del domani: vuole documentare, sì, ma vuole anche narrare e dare chiari suggerimenti per avviare il cambiamento, per un futuro migliore.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)