Archivio tag: netflix

Pinocchio di Guillermo del Toro in arrivo su Netflix a dicembre

Mentre aspettiamo con impazienza La fiera delle illusioni – Nightmare Alley, ultimo bellissimo film di Guillermo del Toro in uscita solo al cinema dal 27 gennaio, arriva la notizia che il regista de La forma dell’acqua ha quasi pronto anche il suo prossimo lungometraggio, Pinocchio, una versione animata della celebre favola di Collodi che arriverà solo su Netflix il prossimo dicembre.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

4 metà, la recensione

E se una coppia di amici improvvisasse una cena per far conoscere tra loro quattro persone single, seguendo la teoria che per ogni essere umano esiste la propria anima gemella? È quel che accade in 4 metà, il nono lungometraggio diretto da Alessio Maria Federici (Fratelli unici, Terapia di coppia per amanti, Uno di famiglia), disponibile sul catalogo Netflix dal 5 gennaio, e che vede come protagonisti: Matilde Gioli, Matteo Martari, Giuseppe Maggio e Ilenia Pastorelli.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Incastrati: trailer e dettagli della serie Netflix di e con Ficarra & Picone

Un omicidio, due amici capitati nel posto sbagliato al momento sbagliato e tanti malintesi che li porteranno in situazioni surreali. Questo il mix di ingredienti, tra comicità e genere crime, della serie Incastrati, che debutterà, in Italia, il 1° gennaio 2022 solo su Netflix.

Scritta, diretta e interpretata da Salvo Ficarra e Valentino Picone, che per la prima volta si cimentano con la serialità, Incastrati è prodotta da Attilio De Razza per Tramp Limited ed è interamente girata in Sicilia.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Trip, la recensione

Tra i diversi rimedi a disposizione dei registi per rimediare all’ormai congenita e atavica crisi del panorama horror contemporaneo, quello che ha ottenuto maggior consenso di pubblica e critica è la commistione di generi, pratica in voga da tanti decenni, ma applicata negli ultimi anni con sempre più maggiore cura e con un approccio sperimentale, volto a scovare dinamiche e stilemi nuovi. Un esempio, in tal senso, è rappresentato dall’unione, sempre più vincente, tra horror e commedia: un sodalizio che ha dato vita a diverse pellicole divenute cult tra gli appassionati, in particolar modo tra quelli dei film su gli zombie. Titoli come L’alba dei morti dementi, London Zombies e Juan of the Dead, infatti, hanno dimostrato come mostri e litri di sangue possono ancora tenere incollati alla poltrona, strappando tanti sorrisi e stimolando finanche a riflettere con metafore e battute sferzanti.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Il potere del cane, la recensione

<<Se non puoi vederlo allora non c’è>>.

Una frase sibillina di poche parole per racchiudere un intero universo interiore fatto di drammi irrisolti e traumi mai superati. Questa è la chiave di lettura dell’imperdibile The Power of the Dog della regista neozelandese Jane Campion.

Le parole in questione vengono pronunciate dal protagonista Phil Burbank (un sempre straordinario Benedict Cumberbatch) ovvero un mandriano del Montana che gestisce con buon profitto un ranch insieme al fratello George (Jesse Plemons).

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Passing – Due donne, la recensione

Presentata alla 16ª edizione della Festa del Cinema di Roma, Passing – Due donne è la sorprendente opera prima da regista dell’attrice britannica Rebecca Hall (classe 1982), prodotta da Significant Production e tratta dall’omonimo romanzo di Nella Larsen, scritto nel 1929 e considerato uno dei capolavori della letteratura americana. La storia si concentra sul difficile tema del razzismo in una sfavillante New York della fine degli anni ’20.

Irene (Tessa Thompson) è una donna sposata con un medico e madre di due bambini, nonostante una tranquilla vita ad Harlem, prova vergogna per il colore della propria pelle in un’America fortemente razzista. La sua amica Clare (Ruth Negga) è ricorsa allo sbiancamento della pelle, sposando un facoltoso uomo bianco di Chicago che non è a conoscenza delle sue vere origini, tra l’altro profondamente razzista. La donna è infelice, poiché vive nella menzogna. Quando le due amiche si incontrano dopo svariati anni, la loro esistenza cambierà radicalmente, generando tra loro una serie di inevitabili confronti.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Yara, la recensione

Era il 26 novembre 2010 quando Yara Gambirasio di tredici anni scompare misteriosamente senza lasciare traccia. La ragazza abitava a Brembate di Sopra, un comune poco distante da Bergamo. Il suo corpo verrà ritrovato esattamente tre mesi dopo, il 26 febbraio 2011, in evidente stato di decomposizione, in un campo aperto a Chignolo d’Isola, poco distante da Brembate di Sopra.

Il dodicesimo lungometraggio diretto da Marco Tullio Giordana si intitola Yara e ripercorre una delle storie di cronaca nera più note degli ultimi anni, ricostruendo la ricerca per l’identificazione di Ignoto 1, l’assassino di Yara, portata avanti caparbiamente dalla PM Letizia Ruggeri (Isabella Ragonese), che si conclude con l’arresto di Massimo Giuseppe Bossetti (Roberto Zibetti), colpevole di aver molestato la ragazzina e di averla uccisa con vari colpi, lasciandola agonizzante. Yara è disponibile sul catalogo Netflix dal 5 novembre.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 3.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Nessuno ne uscirà vivo, la recensione

Muoversi all’interno del mare magnum del catalogo Netflix è diventata un’impresa ormai ardua e con sempre meno certezze per gli appassionati di horror, alla costante e famelica ricerca di prodotti di qualità per passare una serata piacevole sulla piattaforma di streaming più famosa al mondo. Tra film per ragazzi e neofiti del genere, opere di qualità infima e molti altri dalla non facile classificazione, la mediocrità media è una spiacevole costante, interrotta soltanto da alcuni bagliori di qualità inaspettati: basti pensare a titoli come l’italiano Il legame di Domenico Emanuele De Feudis, il recente Blood Red Sky di Peter Thorwarth, o, ancora, la ghost strory a tema sociale His House di Remi Weekes. Tutti lavori che hanno in comune la volontà dei registi di slegarsi dagli stereotipi e proporre qualcosa di personale e originale, dal punto di vista dei contenuti o più semplicemente da quello visivo e di capacità di intrattenere.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Guilty, la recensione

Avevamo già visto Il colpevole – The Guilty, la sorprendente opera prima del regista danese Gustav Moller, presentata al 36° Torino Film Festival nel 2018, ma dal 1 ottobre sul catalogo Netflix è disponibile il remake americano diretto dal regista statunitense Antoine Fuqua, dal titolo The Guilty, che rimane fedele alla versione originale ma ha come protagonista Jake Gyllenhaal.

Joe Baylor, un ufficiale della polizia di Los Angeles, sta svolgendo il proprio turno in un call center, in attesa di un’udienza che lo riabiliti finalmente a lavorare nuovamente sul campo, sospeso a causa di un incidente dalle circostanze poco chiare. Un’improvvisa chiamata da parte di una donna che sospetta possa essere rapita, porta l’uomo a un’affannosa ricerca di quest’ultima e del suo presunto sequestratore.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Strappare lungo i bordi: il teaser trailer della serie Netflix di Zerocalcare

Strappare lungo i bordi, la serie italiana di animazione Netflix scritta e diretta da Zerocalcare, pseudonimo del celebre fumettista italiano Michele Rech, debutterà il 17 novembre 2021 su Netflix in tutti i Paesi in cui il servizio è attivo e verrà presentata lunedì 18 ottobre alla Festa del Cinema di Roma con la proiezione in anteprima mondiale dei primi due episodi.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)